Codice SDI: cos’è, dove e come si inserisce in una fattura elettronica

Codice SDI: cos'è, dove e come si inserisce in una fattura elettronica

Codice SdI cos’è?

Il codice SdI (Sistema di Interscambio), detto anche Codice destinatario e a volte impropriamente codice univoco, è un elemento fondamentale nella compilazione della fattura elettronica sia B2B (verso altre aziende) che B2C (verso clienti privati).

Inserire i dati corretti in questo campo è indispensabile per evitare che la fattura venga scartata dal Sistema di Interscambio e sia correttamente inviata al destinatario.

Ma andiamo per gradi e cerchiamo di capire cos’è esattamente il codice SdI e come va compilato questo campo della fattura elettronica.

Cos’è il codice SdI e quali sono le sue alternative?

Il codice SdI è un codice alfanumerico utilizzato dal Sistema di Interscambio per recapitare la fattura elettronica al proprio destinatario. Si tratta, in altre parole, di una sorta di indirizzo telematico che viene utilizzato per instradare la fattura verso il soggetto nei cui confronti essa è emessa (acquirente del bene o committente del servizio).

Il codice è composto da 7 caratteri6 nel caso in cui il destinatario della fattura sia una Pubblica Amministrazione, e viene rilasciato da parte dell’Agenzia delle Entrate (AdE) in seguito ad una richiesta di accreditamento. Quest’ultima, però non è sempre necessaria, ma in genere deve essere presentata solamente se l’azienda intende avere un canale telematico tra i suoi server e il Sistema di Interscambio, cosa che accade per le grandi aziende, che emettono un numero elevatissimo di fatture.

Nella maggior parte dei casi, invece, sono le software house ad essere dotate di un codice destinatario che viene utilizzato poi dai suoi utenti per ricevere le fatture elettroniche.

Di conseguenza tutti coloro che si avvalgono dei servizi di una stessa software house per l’inoltro delle fatture allo SdI hanno lo stesso codice destinatario: questo, però, non significa che ci possano essere rischi relativi alla sicurezza dei dati, poiché l’elemento determinante per la canalizzazione delle fatture è il numero di Partita IVA.

Avere un codice destinatario, però, non è obbligatorio, dato che le fatture elettroniche possono essere ricevute anche mediante PEC.

Ciascun titolare di partita IVA comunica all’Agenzia delle Entrate l’indirizzo telematico (codice SdI o PEC) dove ricevere le fatture elettroniche. Per farlo occorre collegarsi al Portale Fatture e Corrispettivi mediante SPID o CIE o CNS.

Codice SdI: dove e come inserirlo in fattura?

Nel momento in cui si emette la fattura elettronica nei confronti del cliente ci si può trovare di fronte a due casi diversi:

  • il cliente è titolare di partita IVA (impresa o professionista);
  • il cliente è un privato.

Nel caso in cui la fattura viene emessa nei confronti di una partita IVA è necessario chiedere al cliente se è in possesso di un codice destinatario, ed eventualmente qual è, oppure se ha indicato all’Agenzia delle Entrate come indirizzo telematico una PEC.

Qualora il cliente titolare di Partita IVA disponga di un codice SdI, al momento dell’emissione della fattura esso va inserito nel campo “Codice Destinatario.

Se invece il cliente titolare di Partita IVA ha comunicato come indirizzo telematico una PEC, nel campo Codice Destinatario” devono essere inseriti 7 zeri “0000000, mentre va compilato il campo “PEC Destinatario con l’indicazione dell’indirizzo di Posta Elettronica Certificata del cliente.

Se il cliente è un privato, e quindi non avendo l’obbligo di avere una PEC non l’ha comunicata all’Agenzia delle Entrate, nel campo Codice Destinatario” vanno inseriti sette zeri “0000000 e il campo PEC Destinatario va lasciato in bianco, ma è necessario ricordare al cliente che la fattura elettronica è disponibile nella sua area riservata del portale dell’Agenzia delle Entrate. Inoltre, una copia della fattura deve essere consegnata o inviata via mail al cliente.

Nel caso in cui il cliente privato abbia una PEC ed essa è stata comunicata all’AdE come indirizzo telematico, al momento dell’emissione della fattura il campo PEC Destinatario” va compilato: lo SdI inoltrerà la fattura sulla casella di Posta Elettronica Certificata del cliente, ma metterà comunque a sua disposizione una copia della fattura all’interno della sua area personale del sito.

Qualora venga emessa fattura elettronica nei confronti di un soggetto UE o extra-UE, nel campo “Codice Destinatario” vanno indicate sette x “xxxxxxx” e non andrà compilato il campo “PEC Destinatario. In questo caso la fattura elettronica non è recuperabile dal cliente mediante il portale dell’AdE e sarà necessario inviare il documento fiscale al destinatario in modo telematico o cartaceo.

Codice Sdi e ricezione della fattura

Fin qui abbiamo visto come si deve comportare chi emette la fattura elettronica. Vediamo ora cosa deve fare il destinatario della fattura per recuperarla.

Le aziende che dispongono di un proprio codice destinatario ricevono le fatture direttamente dallo SdI mediante esso, mentre le aziende che hanno comunicato il codice destinatario della software house ricevono le fatture sul canale telematico dell’intermediario accreditato che mette a disposizione dei propri clienti una apposita interfaccia web.

Coloro che hanno comunicato come indirizzo telematico la PEC, ricevono la fattura sulla propria casella di Posta Elettronica Certificata.

privati che non dispongono di una PEC, possono prelevare la fattura dalla loro area riservata del portale dell’Agenzia delle Entrate. Quelli che sono in possesso della PEC, e l’hanno comunicata all’AdE, oltre a poter prelevare la fattura nella loro area riservata del sito dell’AdE, riceveranno anche la fattura al loro indirizzo di Posta Elettronica Certificata.

Codice SdI: possibili errori

È importante evitare errori quando si indica il Codice SdI in fattura. L’inserimento di spazi bianchi o di altri caratteri speciali o di un codice errato o ancora l’omissione del codice destinatario sono errori che possono portare il Sistema di Interscambio a scartare la fattura.

Quindi, al momento della compilazione del documento, occorre prestare molta attenzione a questo campo da cui deriva la corretta trasmissione della fattura.

Fatturazione elettronica Namirial: gestisci le fatture elettroniche in modo facile e sicuro

Gestisci in modo semplice e veloce la fatturazione elettronica della tua attività con FatturePlus Namirial.

FatturePlus è la soluzione web di Namirial dedicata alla fatturazione elettronica tra privati (B2B) e verso la Pubblica Amministrazione.

FatturePlus si adatta perfettamente alle diverse esigenze di una piccola impresa, di un professionista o di un commercialista che assiste contemporaneamente più aziende e clienti, inoltre dialoga con il Sistema di Interscambio in modo facile, veloce e automatizzato.

Con FatturePlus puoi gestire sia il ciclo attivo sia quello passivo.

FatturePlus è più di una semplice applicazione di fatturazione elettronica: infatti gestisce l’anagrafica dei clienti, dei fornitori, degli articoli e le tabelle delle aliquote IVA.

Con FatturePlus tutte le tue fatture elettroniche saranno firmate digitalmente e conservate a norma in automatico.

Tanti sono i vantaggi di FatturePlus:

  • facile da usare. L’interfaccia web di FatturePlus è stata studiata per garantire la migliore esperienza per l’utente. Nel pannello di controllo iniziale avrai la situazione degli incassi e dei pagamenti sempre visibile attraverso grafici. I menu intuitivi ti permetteranno di trovare in pochi click la funzioni che desideri;
  • flessibilePersonalizza in un attimo le fatture inserendo il tuo logo e la tua intestazione. Collabora con il tuo commercialista con la delega della fatturazione elettronica, fornendogli direttamente l’accesso ai documenti. Non dovrai più consegnare nulla “a mano”. Le fatture elettroniche verranno inviate allo SDI in automatico e potrai spedire via mail le fatture di cortesia ai tuoi clienti:
  • completoFatturePlus memorizza i dati principali delle anagrafiche dei tuoi clienti e fornitori e crea in automatico il database della tua azienda. Tieni sempre sotto controllo la tua attività con la funzione della reportistica e sfrutta tutti i vantaggi del gestionale integrato.

FatturePlus di Namirial è disponibile in due versioni:

1.FatturePlus Standard

  • 100 fatture elettroniche incluse;
  • Conservazione sostitutiva delle fatture inclusa;
  • Fatture PA, B2B e semplificate;
  • Gestione integrata di tutte le aree funzionali;
  • Regime fiscale ordinario;
  • 110,00 € + IVA per il primo anno.

2.FatturePlus Forfettari

  • 100 fatture elettroniche incluse;
  • Conservazione sostitutiva delle fatture inclusa;
  • Fatture PA, B2B e semplificate;
  • Gestione integrata di tutte le aree funzionali;
  • Regime dei minimi e forfettari;
  • 4,90 € + IVA per il primo anno invece di 48,00 € + IVA.

Vuoi gestire la fatturazione elettronica tramite POS? Scopri l’offerta FatturePlus per POS Virtuale di Namirial in promo a 219,00€ + IVA all’anno invece di 299,00 €.

 «Vuoi gestire in modo semplice e veloce la fatturazione elettronica della tua attività? Scopri FatturePlus Namirial, la soluzione ideale per imprese, professionisti e commercialisti»

Articolo precedenteProgettazione BIM e modellazione digitale: i vantaggi per gli architetti